info@tripdifferent.com (+39 o7.76.18.06.78.7)

Campoli Appennino un piccolo Borgo del Lazio

5.00 / 5
Aggiungi ai Preferiti Compare

Campoli Appennino

Campoli Appennino è un piccolo paese di circa 1750 abitanti della provincia di Frosinone, situato a ridosso della catena degli Appennini a 650 m s.l.m. Il suo territorio ricade nel versante Laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise (PNALM), in una delle zone con le bellezze naturalistiche più interessanti dell’intera Ciociaria. Le abitazioni di Campoli Appennino sono disposte a semicerchio lungo il margine di una dolina carsica di forma ellittica chiamata dagli abitanti “Tomolo” o “Fossa”. Il grazioso borgo medievale appare dolcemente adagiato sulla collina, mentre alle sue spalle si ergono maestose le montagne a confine con l’Abruzzo.

Campoli Appennino

A testimonianza della bellezza e dell’importante storia di Campoli Appennino, troviamo una citazione del 1574 fatta dallo storico Giulio Prudenzio di Alvito, il quale lo definiva “Un Castelletto assai delicato, di bella vista et buon aere”. Tale citazione dimostra quanto era strategica per quel periodo la posizione del piccolo borgo, in quanto permetteva di controllare contemporaneamente le tre valli che lo circondano: la Valle di Comino, la Valle del Liri e la Valle di Roveto.

Il territorio è ricco di monumenti e luoghi di interesse che vale la pena visitare; infatti le bellezze spaziano dall’Architettura Religiosa a quella Militare, dai siti archeologici alle bellezze naturalistiche, fino ad arrivare alla bellissima area faunistica realizzata all’interno della Dolina Carsica e che ospita ben 5 esemplari di Orso.

Sono veramente tanti gli eventi che animano la piccola comunità Ciociara, ma senza dubbio quelli che ogni anno richiamano sempre più turisti sono:

  • La Fiera Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato e Nero Pregiato che si tiene normalmente gli ultimi due fine settimana del mese di Novembre;
  • La chiusura dei festeggiamenti religiosi caratterizzati da spettacolari fuochi di artificio che hanno luogo il primo weekend di Settembre.

Simboli di Campoli Appennino sono il Tartufo e gli orsi presenti nell’area faunistica; è proprio per questo motivo che il piccolo centro della Ciociaria è noto come “Il paese dell’Orso e del Tartufo”.

area faunistica

Orso di Campoli Appennino

I prodotti tipici di Campoli Appennino

Tra i prodotti tipici del territorio di Campoli Appennino più conosciuti, non solo in Italia ma anche all’estero, abbiamo il Tartufo e la Marzolina.

Tartufo

Tartufo di Campoli Appennino

La ricerca del Tartufo nel piccolo centro della Ciociaria risale a tempi antichissimi, a testimonianza del profondo legame che c’è tra gli abitanti di Campoli Appennino ed il prezioso tubero. Le specie di tartufo presenti sul territorio sono essenzialmente tre: il tartufo Bianco Pregiato (tuber magnatum Pico), il Tartufo nero Pregiato (tuber melanosporum Vitt.), il Tartufo Estivo o Scorzone (tuber aestivum Vitt.). Nel tempo sono nate diverse aziende che si occupano della lavorazione e commercializzazione del tartufo ed è stato propri grazie a queste aziende che il tartufo di Campoli Appennino è conosciuto non solo in Italia ma in tutto il mondo.

La marzolina è un formaggio tipico del Lazio, ottenuto dal latte di capra. In passato veniva prodotto unicamente durante la lattazione degli animali ossia nel mese di Marzo; da qui il caratteristico nome di Marzolina. Questo particolare tipo di formaggio, rappresenta un prodotto tipico di Campoli Appennino di altissima qualità in quanto viene ancora realizzato seguendo gli antichi insegnamenti e le antiche tecniche tramandate dalle vecchie generazioni di pastori.

Cosa Visitare a Campoli Appennino

Campoli Appennino è un piccolo centro ricco di monumenti e di bellissimi paesaggi. I monumenti presenti sul territorio possono essere distinti in tre diverse categorie: Architetture Religiose, Architetture Militari e Siti Archeologici.

Fanno parte delle architetture religiose le seguenti Chiese:

parrocchia sant'Andrea apostolo

Chiesa Sant’Andrea Apostolo

Le architetture militari presenti sul territorio di Campoli Appennino sono rappresentate da una possente Torre Medievale posta al centro del paese, dalla Cinta Muraria ben conservata in alcuni punti e da una serie di Torrette di avvistamento collocate in alcune zone strategiche del territorio Campolese.

I Siti Archeologici di maggior pregio sono essenzialmente due: l’Acquedotto di Nerone ed un antichissimo insediamento ritrovato in epoca recente in prossimità della piccola Chiesa di San Pancrazio.

Tra le attrazioni e le bellezze da visitare a Campoli Appennino, senza dubbio un ruolo di primissimo piano è rivestito dalla Natura e dai paesaggi mozzafiato. Un luogo davvero unico nel suo genere è il Canyon del Lacerno, dove burroni a strapiombo si richiudono sul Torrente Lacerno, amplificando il rumore delle acque rendendolo assordante in alcuni punti.

Ci sono poi sentieri montani per tutte le età, dai più piccoli fino ai più spericolati ed intraprendenti. Un altro elemento che distingue il piccolo centro della Ciociaria da altri paesi è la Dolina Carsica intorno alla quale sorge il centro abitato. Recentemente è stata trasformata in una spettacolare area faunistica di circa 15 ettari, all’interno della quale vivono 5 magnifici esemplari di orso europeo. Un’area faunistica di tali dimensioni e posta nel centro abitato di un paese è un esempio quasi unico nel suo genere, molto difficile da trovare in qualsiasi altro posto. La Dolina ha un diametro di circa 630 m., una profondità di 130 m. circa ed è prima di inghiottitoio.

La Storia di Campoli Appennino

Il toponimo del nome Campoli deriva da campora che sta ad indicare tutti quei terreni coltivabili situati in quota tra le valli montane.

Campoli Appennino

Foto storica di Campoli Appennino del 1942

Non ci sono notizie certe sulla sua fondazione anche se, dai ritrovamenti effettuati sul territorio Campolese, si ritiene risalgano ad un’epoca alquanto remota. Secondo lo storico Atinate Tauleri la fondazione di Campoli risale al 293 a.C. quando i consoli Lucio Papiro Cursore e Spurio Carvilio Massimo distrussero Aquilonia, Atina e Cominium (l’attuale Valle di Comino). Le popolazioni in fuga fondarono una serie di Comuni tra cui Campoli. Don Andrea Di Pietro fa risalire la nascita di Campoli alla città dei Marsi-Atinati distrutta dai Romani nel 291 a.C.: Plestinia. 

Una terza ipotesi invece, facendo riferimento ad un documento conservato nell’Abbazia di Montecassino e risalente al 1856, fa risalire l’origine di Campoli al Conte Gadolfo di Sora e Aquino, il quale lo ricostruì in seguito alla distruzione da parte dei Longobardi nel VII Secolo.

Negli scritti che riportano le cronache dell’Abbazia di Fossanova, viene menzionato l’incendio di Campoli nel 1150 da parte di Andrea Conte di Ceccano il quale, esiliato dal Re, per vendicarsi invase alcuni centri dello Stato di Comino tra cui Campoli, distruggendoli e saccheggiandoli. Successivamente tra il 1160 ed 1180 fu ricostruito dal Duca Landolfo.

Negli anni a seguire la proprietà del piccolo Borgo si alternò tra le diverse famiglie che governarono il territorio della Valle di Comino.

Nel 1382 i Cantelmo spodestarono i d’Aquino quali possessori di Campoli e da quel momento il destino del paese fu legato alla Famiglia dei Gallio, Duchi di Alvito. Verso la fine del XVIII Sec. fu saccheggiato dalle truppe Francesi. Invece, verso la fine dell’800 fu infestato dai briganti che si muovevano ed agivano proprio in questo territorio, perché a confine con lo Stato Pontificio. Sembra anche che Campoli diede diversi cittadini all’esercito del Generale Cadorna durante la Terza Guerra di Indipendenza nel 1866.

Nei decenni a seguire le sorti del paese furono legate un po’ a quelle di tutti i piccoli centri, devastati dalle due Guerre Mondiali e da un processo lento e inesorabile di emigrazione verso i grandi centri Italiani, oltre che verso paesi esteri.

  • Indirizzo Piazza Umberto I° - 03030 Campoli Appennino (FR)
  • vincent j vanasco

    Reply
    Rating: 5 / 5
    Pro

    My cousin Lorella got me into this site for Campoli. I enjoyed it very much. It brought back many fond memories.

Invia una nuova recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trip Different StoreAcquista prodotti tipici locali di alta qualità 100% made in Italy sulla nostra piattaforma

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi