info@tripdifferent.com (+39 o7.76.18.06.78.7)

Porta San Benedetto

0 / 5
Aggiungi ai Preferiti Compare

Porta San Benedetto

Le porte di Alatri

Per entrare nella città dalle possenti mura, originariamente vi erano sei porte: a Est Porta Portati e S. Nicola, a Nord Porta San Pietro, a occidente la Portella e Porta San Benedetto, a Sud Porta Portadini. Porta Portati, Porta Portadini e la Portella sono le tre porte primitive della città pelagica, alla cui cittadella (civita), si accedeva mediante tre ulteriori porte rispondenti ad ognuna di esse.

Le altre, invece, Porta San Nicola, S. Pietro e Porta San Benedetto hanno una denominazione che risale al Medioevo; quella di San Benedetto è accanto a porta Portella, mentre San Pietro non è lontana da Portadi. La denominazione cristiana di alcune porte, dipende dal fatto che quella di San Nicola sorge presso una chiesetta anticamente dedicata allo stesso santo, mentre quella di San Pietro, deriva la sua denominazione dall’essere vicino a colle S. Pietro, dove, sulle rovine del tempio dedicato alla Dea Bellona, era sorto un monastero di monache Benedettine.

La Porta San Benedetto

La Porta San Benedetto è collocata al centro del tratto occidentale delle mura, non lontano da Porta San Francesco. Tra gli accessi ad Alatri questo è l’unico ad essere rimasto straordinariamente intatto nella primitiva struttura con architrave. In seguito, in epoca medievale venne creato, addossandolo alla porta, il cosiddetto Torrione Brocchetti, con ovvie funzioni difensive. Nelle successive ristrutturazioni della città la stretta ed impervia salita che l’attraversava è stata sostituita da una più comoda scala in pietra che però non consente il passaggio di mezzi o animali.
Verso la prima metà del Trecento, titolare della medesima divenne S. Francesco, poiché dapprima fuori e, quindi, dentro la città sorse un convento di Frati Minori.

Nel 1952 si parlava di una porta simile a quella di civita, anche se, era coperta per metà da un torrione (Palazzo e torre Brocchetti) di proprietà del prof. Marinucci, il quale vedeva di buon occhio una nuova apertura, anche se avrebbe dovuto sacrificare una parte della torre.
L’amministrazione comunale del tempo, dopo accordi, aprì un cantiere di lavoro a sue spese, riportando a vita quella porta di cui tanto si era parlato e scritto. (Gino Minnucci, Settimio Boenzi, Carlo Costantini).

Bibliografia:
Sito della Pro Loco di Alatri

Invia una nuova recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trip Different StoreAcquista prodotti tipici locali di alta qualità 100% made in Italy sulla nostra piattaforma

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi