Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Birth Date*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login

Alatri – La città dei Ciclopi e dell’Acropoli

0
Inviaci una richiesta
Inviaci una richiesta
Nome completo*
email*
Testo della richiesta*
Accetto la politica della privacy.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step
Aggiungi ai preferiti

Adding item to wishlist requires an account

1619

Guidaci alla scoperta della tua Città

Sei una Guida Turistica, un membro della Pro Loco o di un’associazione che si occupa di promozione turistica?
Guida i visitatori alla scoperta delle bellezze del tuo Paese o della tua Città.

Scopri come fare contattandoci all’indirizzo Mail: info@tripdifferent.com

ADOTTA UN MONUMENTO DELLA TUA CITTA'

  • Rendi virtuale i monumenti e le bellezze del tuo paese
  • Aiutaci a promuovere i tuoi luoghi
  • Virtual Tour e Realtà Virtuale con il tuo nome o la tua azienda
  • Per Informazioni scrivici a: info@tripdifferent.com
Paese della Ciociaria (FR)
Disponibilità: Da visitare
Provincia Frosinone
Regione Lazio
Percorso

Tappa 1:Acropoli o Civita di Alatri

L’Acropoli o Civita di Alatri è un’opera ciclopica di fama internazionale, è considerata l’espressione più alta della volontà di difesa e di potere degli Hethei-Pelasgi. Quest’immane costruzione trapezoidale è stata realizzata solo con mezzi umani, sia per quanto riguarda l’erezione, che il trasporto del materiale, costituito da enormi massi irregolari di pietra calcarea, sovrapposti perfettamente gli uni sugli altri, senza l’ausilio di sostanze cementizie. L’Acropoli è orientata secondo l’asse maggiore in senso est-ovest, comprendente un’area di circa 19.060 mq e con un’elevazione massima nello spigolo del “Pizzale” di 17 m.

Leggi tutto

Tappa 2:Cattedrale di San Paolo

Questo antico tempio venne edificato probabilmente per la necessità di una sede per il vescovo in seguito all’istituzione della diocesi di Alatri anche se viene menzionato per la prima volta in un documento pergamenaceo del 930. Venne rimaneggiato più volte nel corso dei secoli; la sua primitiva forma, secondo il tipo basilicale romano a tre navate e con ampio portico d’ingresso, si conservò quasi inalterata fino alla ristrutturazione compiuta nella metà del ‘700 dal vescovo diocesano Francesco Cavallini.

Leggi tutto

Tappa 3:Chiesa S. Maria Maggiore

La Chiesa di S. Maria Maggiore fu costruita su di un tempio romano dedicato a Giove nel V sec. in onore a Maria, in seguito al culto diffuso in occidente. Nel secolo XIII subì una grande trasformazione, conservando i diversi elementi architettonici. Nel 1394 venne innalzato un campanile, assicurato con chiavoni di ferro nel 1897, per le troppe lesioni.
Il 24 Luglio 1654 un terremoto provocò ingenti danni all’edificio sacro. L’Ottocento, fu un secolo di restauri e, alla fine del Secolo, il Regio Governo provvide al restauro del rosone e, nell’occasione, venne scoperta una epigrafe, decifrata solo dopo cento anni da Don Giuseppe Capone.

Leggi tutto

Tappa 4:Chiesa di San Francesco

La Chiesa di San Francesco venne eretta dai Francescani dell’ordine dei Conventuali nella seconda metà del XIII Secolo e alla sua costruzione concorse anche il Comune, permettendo ai frati di usufruire del Monte Lungo per la fabbricazione della calce. L’aula rettangolare che ne compone l’interno venne interamente allungata nel XVII Sec. per accogliere il coro dei frati. Di fondamentale importanza è la presenza della reliquia del mantello di San Francesco, donato da lui stesso alla cittadinanza nel 1222, durante il suo soggiorno ad Alatri presso la chiesa di Sant’Arcangelo.

Leggi tutto

Tappa 5:Porta San Benedetto

La Porta San Benedetto è collocata al centro del tratto occidentale delle mura, non lontano da Porta San Francesco. Tra gli accessi ad Alatri questo è l’unico ad essere rimasto straordinariamente intatto nella primitiva struttura con architrave. In seguito, in epoca medievale venne creato il cosiddetto Torrione Brocchetti, con ovvie funzioni difensive. Nelle successive ristrutturazioni della città la stretta ed impervia salita che l’attraversava è stata sostituita da una più comoda scala in pietra che però non consente il passaggio di mezzi o animali.

Leggi tutto

Galleria
Descrizione
ALATRI, Città dei Ciclopi
Storia, Arte, Cultura

Le origini protostoriche di Alatri si legano inscindibilmente alla popolazione degli Ernici, un raggruppamento italico del ceppo più antico, a cui si attribuisce, intorno al VII secolo a.C., la costruzione dell’Acropoli e delle possenti mura megalitiche che cingono l’abitato. Con l’espansione romana e l’ingresso nel 484 a.C. nel Foedus Cassianum la città divenne dapprima alleata di Roma e nel 90 a.C. fu elevata a Municipio.
Sede vescovile fin dall’età costantiniana, fu agli inizi del VI secolo centro di una delle più antiche comunità cenobitiche d’Occidente, ancor prima della fondazione del monachesimo benedettino. Nel periodo delle invasioni barbariche, dopo l’assedio ed il saccheggio inflitti nel 543 dal re ostrogoto Totila, Alatri si vide costretta a rafforzare le proprie strutture difensive per far fronte alle continue minacce dei Longobardi e successivamente dei Saraceni. Libero comune dalla seconda metà del 1100 e da sempre fedele alla Chiesa, raggiunse nel XIII secolo i vertici del proprio sviluppo politico e culturale, dotandosi di insigni monumenti civili e religiosi. Nel corso del XIV secolo, a seguito dell’esilio Avignonese del Papato, subì la baronia dei Conti di Ceccano (1334), ed una notevole riduzione dell’autonomia comunale per mano del cardinale Albornoz.
La successiva signoria durazzesca (1408-1414), quella viscontea (1434), nonché l’umiliante dominio spagnolo nel 1556, ebbero profonde ripercussioni sulla comunità cittadina, tanto da indurre il vescovo diocesano Ignazio Danti, tra il 1583 e il 1586, ad intraprendere un’importante opera di riorganizzazione dell’intera vita religiosa, che s’impose a modello per le future iniziative sociali, attuate dall’amministrazione civile nei due secoli che seguirono. Trascorso il periodo rivoluzionario e quello napoleonico, durante i quali Alatri fu centro di vicende spesso convulse e dolorose, la restaurazione, nel 1815, del governo pontificio sancì l’inizio di una lunga parentesi di relativa tranquillità politica, destinata a sfociare, fin dai primi anni dell’unità nazionale, in un miglioramento delle condizioni economiche. Ben più decisivo si rivelò, infine, il vasto programma di risanamento politico e sociale intrapreso dalla città alla fine del secondo conflitto mondiale, i cui effetti, attraverso un forte impulso allo sviluppo delle molteplici realtà produttive e culturali, incisero in modo determinante sulla formazione dell’odierna fisionomia cittadina.

Il Centro Storico

Attualmente il centro storico, raccolto entro il perimetro irregolare delle mura, ricalca nei suoi tratti essenziali il primitivo insediamento della città preromana, su cui s’innesta in modo prevalente l’articolazione urbanistica dell’impianto medioevale.
L’intero tessuto urbano è caratterizzato da una fitta trama di vie strette e tortuose, talora impostate in forte pendenza, che si diramano, tra antiche costruzioni e caseggiati più moderni, tutt’ intorno alla rocca dell’Acropoli. Quest’ultima costituisce l’epicentro visivo della città, una sorta di autonomo nucleo sopraelevato (Civitas nova) attorno al quale l’abitato sottostante (Civitas vetere) si sdoppia in due grandi aree contrapposte: la zona settentrionale, contraddistinta da uno sviluppo planimetrico piuttosto regolare, e quella meridionale delle Piagge, aggrappata sull’opposto versante con un sistema di terrazzamenti digradanti che risolve e in parte dissimula il naturale dislivello del colle.
Tale disposizione, oltre a scomporre lo scenario urbano in un curioso contrasto topografico, ha contribuito nel corso dei secoli a modellare nella prima zona uno spazio monumentale, destinato ad accogliere gran parte delle funzioni civiche, commerciali e culturali, ed a consolidare nella seconda un ambiente più compatto, appena sufficiente al passaggio pedonale e con prerogative quasi esclusivamente residenziali.
Dal punto di vista toponomastico infine il centro cittadino, ad eccezione dell’Acropoli, risulta ulteriormente suddiviso in nove rioni (Scurano, Valle, Colle, Fiorenza, Vineri, Spidini, S.Lucia, S.Andrea, S.Simeone) contrassegnati ancora oggi da un proprio emblema araldico e da una loro fisionomia individuale, conformemente all’antica ripartizione amministrativa delle carcìe medioevali.

L’Acropoli e le Mura Poligonali

Scopri di più

Piazza S. Maria Maggiore

La Piazza S. Maria Maggiore, anticamente detta del Campo, si presenta come un efficace nodo urbanistico, che fissa, per mezzo delle molteplici aperture sulle vie circostanti, il punto di raccordo della movimentata vita alatrina. Essa occupa l’antica area del foro della città romana e figura come uno spazio raccolto, plasmato nel tempo attraverso la progressiva aggregazione a quadrilatero delle varie costruzioni che ne disegnano il perimetro.
La notevole importanza del luogo è accresciuta dalla presenza dei principali edifici civili e religiosi della città: dallo scenografico Palazzo del Comune, progettato sul fianco occidentale dall’architetto Raffaele Boretti nel 1863, alla duecentesca collegiata di S. Maria Maggiore, a cui si contrappone, dal lato opposto, la chiesa degli Scolopi con l’attiguo Palazzo Conti Gentili.
Al centro della rettangolare piazza S. Maria Maggiore fu eretta nel 1870, su disegno dell’architetto Giuseppe Olivieri, la monumentale Fontana Pia, dedicata a Pio IX in segno di gratitudine per la cospicua somma di denaro elargita nei confronti della città, per la realizzazione di un nuovo acquedotto. E’ una grande vasca quadrangolare, dalla classica architettura ottocentesca, caratterizzata dalla struttura elicoidale dei delfini annodati intorno a due catini, sormontati da teste leonine. Allo stesso architetto appartengono la fontana Antonini, ubicata nella raccolta piazzetta di S. Anna e la fontana di Porta S. Pietro, costruita nei pressi dell’omonima porta cittadina. A coronamento di questa equilibrata commistione di architetture diverse, fu eretta nel 1870, su disegno dell’architetto.

Chiesa S. Maria Maggiore

Scopri di più

La Chiesa degli Scolopi

L’edificio di puro impianto settecentesco fu costruito fra il 1734 e il 1745 su progetto dell’architetto Benedetto Margariti da Manduria e dedicato allo Sposalizio della Vergine.
Il disegno della facciata, cosi come quello della pianta a croce greca, scaturisce da un’originale semplificazione di temi tipicamente borrominiani. La flessuosa aggraziata linearità della fabbrica è completata all’interno da dipinti del pittore veneto Benedetto Mora e di Carmine Spinetti.

Cattedrale di San Paolo

Scopri di più

Palazzo Conti Gentili

Antico stabile duecentesco di cui rimane visibile l’arco d’ingresso, ha subito nel corso degli anni notevoli trasformazioni, dapprima con interventi voluti dal proprietario Giovanni Turco che nel 1532 vi costruì, tra l’altro, il bel portale all’interno del vestibolo, e successivamente per mano dell’erede Francesco Conti e dell’Amministrazione Comunale che ampliarono a più riprese il palazzo.
Sede dal 1729 al 1971 del Collegio delle Scuole Pie, ospita tuttora una ricca biblioteca con testi di storia locale e antiche pergamene. Meritevole di nota è anche il grande Orologio (Meridiana) Solare posto sulla facciata principale, realizzato da padre Angelo Secchi intorno alla metà dell’Ottocento.

Chiesa di San Francesco

Scopri di più

La Chiesa di Santo Stefano

Edificata intorno al Mille e ristrutturata completamente nel 1284 dal Cardinale Gottifredo di Alatri, fu nel 1586 privata della navata di sinistra in seguito alla costruzione dell’attiguo monastero dell’Annunziata.
Infine, rimaneggiamenti sei-settecenteschi alterarono irrimediabilmente la fabbrica, preservando solamente il bellissimo portale trilobato e il Leone Crocigero della cuspide. All’interno particolare interesse, riveste la settecentesca pala con la “Vocazione di Matteo” dipinta da Filippo Palazzetti.

L’Affresco del CRISTO nel LABIRINTO (Chiostro di San Francesco)

Scoperto casualmente nel 1996, all’interno di un cunicolo nei locali annessi al Chiostro di San Francesco, il CRISTO nel Labirinto è divenuto oggetto di un interesse crescente vista la sua “unicità”, costituita dalla raffigurazione del tema figurativo del Cristo “Pantocrator” al centro del simbolo arcaico del Labirinto.
Il Labirinto è unicursale, vale a dire che entrata ed uscita del percorso coincidono; si compone di dodici cerchi neri, che delimitano i corridoi bianchi; al centro è la figura del Cristo barbuto con l’aureola, la tunica e il mantello dorato, che con la mano sinistra sostiene il libro delle Sacre Scritture, e con la destra, in atteggiamento benedicente, indica l’ingresso e l’uscita del labirinto.
Risultano misteriose le origini dell’affresco, databile tra la fine del XIII e l’inizio del XIV sec.; tra le varie ipotesi suggestiva è quella che lo collega alla storia dei Templari; tra le più probabili quella che vede autore dell’opera un frate del convento o un artista locale.
Una decorazione, realizzata con la tecnica ad affresco e, in alcune zone, a secco, si dipana sulle pareti di due locali separati da un arco: nel primo ambiente c’è la raffigurazione del Labirinto; nel secondo un velario, “svelato” dal descialbo delle pareti, e una serie di simboli geometrici e floreali, quali spirali, stelle, sfere, fiori della vita.

Porta San Benedetto

Scopri di più

Palazzo Gottifredo (Sede del Museo Civico)

La massiccia costruzione, solenne e grave nella sua impostazione spaziale, fu realizzata nel corso del XIII secolo per volere del nobile Gottifredo Raynaldi, cardinale protodiacono e ricco feudatario alatrino.
L’intero complesso, frutto della felice commistione tra due edifici contigui, diversi per stile ed epoca di costruzione accoglie, nel proprio interno, il Museo Civico.
IL MUSEO CIVICO accoglie nelle sue sale diverse sezioni:

  • Una Sezione Archeologica locale, composta da una presentazione grafica e multimediale sui cosiddetti “Viaggiatori di scoperta” (Piano Terra), da una rappresentazione dell’Antica Aletrium, attraverso i suoi Reperti Archeologici e le sue Epigrafi (Piano Primo);
  • La Sezione Archeologica Guardia di Finanza – Gruppo Tutela Patrimonio Archeologico – dedicata agli riti funerari, dove sono esposti vasi corinzi, attici, etrusco-laziali (Piano Primo);
  • La Sezione Demo-EtnoAntropologica (Fondo Gambardella) in cui è esposta una collezione di strumenti ed attrezzature della tradizione agricole ed artigianale locale.
La Cinta Urbana

Innalzata sulla viva roccia del colle, assecondando l’orografia del terreno, ostenta ancor oggi, a distanza di molti secoli, tutta l’imponenza e la solidità costruttiva tipiche dell’antica architettura ciclopica. Nel Medioevo, la sua struttura fu ulteriormente irrobustita con la costruzione di alti torrioni, posti a controllo e a difesa della zona circostante. Ma il carattere dichiaratamente difensivo di questa costruzione si avverte con più vigore nelle cinque porte di accesso, disposte strategicamente lungo il circuito murario: ad Ovest P.ta S. Francesco e P.ta S. Benedetto ad Est P.ta S. Nicola a Nord P.ta Portati e P.ta S. Pietro.

Al di Fuori delle Mura Urbane
La Chiesa della Maddalena

Situata nei pressi di un antico lebbrosario, al di fuori delle mura cittadine, questa raccolta pieve medioevale appare già dal 1196 dedicata alla Maddalena penitente.
L’edificio, preceduto da un pronao di epoca più tarda, è scandito all’interno da tre arcate ogivali in pietra concia disposte trasversalmente per sorreggere l’assito in cotto della copertura.
Particolare interesse riveste, infine, la sobria decorazione pittorica delle pareti impreziosita dalla presenza di alcuni affreschi attribuiti ad Antonio di Alatri.

La Badia di San Sebastiano

Incastonato su un piccolo colle ad Oriente del centro cittadino, il complesso monastico, fondato agli inizi del VI secolo dall’abate Servando, ospitò nel 528 Benedetto da Norcia durante il suo viaggio da Subiaco a Montecassino.
Ristrutturato completamente ed ampliato nella prima metà del XIII secolo, per accogliere l’ordine delle Damianite di Santa Chiara, presenta ancora oggi la suggestiva articolazione architettonica medioevale, arricchita dalla duecentesca decorazione pittorica della chiesa con figurazioni della vita di Cristo e della Madonna.

La Grangia di Tecchiena

La vasta costruzione rurale, dalle eleganti e ariose linee settecentesche immerse nel verde circostante, fu edificata nella seconda metà del XVIII secolo dai PP. Certosini, sul luogo di un antico tenimentum ai margini occidentali della fertile piana di Tecchiena.
Utilizzata fino agli inizi del ‘900 come granaio dagli stessi monaci della vicina Certosa di Trisulti accoglie nel proprio interno, oltre a numerosi ambienti di carattere residenziale anche una piccola chiesa dedicata a San Bartolomeo apostolo.

Bibliografia:
https://www.alatriturismo.it/
Pro Loco di Alatri: http://www.prolocoalatri.it/home.html
Visita Alatri: http://www.visitalatri.it/
Alatri – Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Alatri
Ufficio Cultura Città di Alatri

Da vedere

  • Centro Storico
  • Piazza e Chiesa di S. Maria Maggiore
  • Acropoli e Cattedrale di San Paolo
  • Chiesa e Chiostro di San Francesco
  • Chiesa degli Scolopi
  • Palazzo Conti Gentili e Palazzo Gottifredo
  • Chiesa di Santo Stefano
  • Chiesa della Maddalena e Badia di S. Sebastiano
Mappa

Proceed Booking